What’s your favour(IT)e BAG?

Questa è una magnifica giornata: ci siamo svegliate,abbiamo deciso che era ora di visitare il nostro porcellino salvadanaio e abbiamo scoperto che gode di una salute florida! È proprio il caso di pensare ad un buon investimento: qualcosa a lungo termine, che incrementi la nostra soddisfazione personale, con risultati garantiti. Una IT-Bag!

Già, acquistare una borsa del genere è un vero e proprio investimento, con profitti e rischi: è una borsa iconica, che esula da tutti i discorsi sulle tendenze e sulle stagioni. È di altissima qualità, capiente ma elegante ed è la risposta giusta per tutte le volte in cui ci chiediamo: “E adesso quale borsa uso?”. Per tante donne è un obiettivo, un punto di arrivo, un meritato premio, per altre è invece un punto di partenza, una fedele amica con cui iniziare una nuova avventura, per altre ancora è un pezzo da collezione da avere a tutti i costi. Il rischio? Dover aspettare mesi per la lista di attesa: alcune it-bag vengono prodotte in edizione limitata e diventano ancora più costose e ricercate.

Le IT-BAG non hanno bisogno di pubblicità: spesso diventano famosissime perchè fotografate al braccio di celebrità o per la loro storia. La bag che per prima si è guadagnata il prefisso IT è la City di Balenciaga: nata nel 2000 è la più vista e copiata, con le sue tasche e cerniere. L’hanno resa famosa Kate Moss e Sienna Miller.

Le borse che hanno invece più storia alle spalle sono la Speedy di Louis Vuitton e la Kelly di Hermès. La prima, creata nel 1930, originariamente misurava solo 30 cm ed è stata ridotta a 25 cm per Audrey Hepburn, che la portava sempre con sè. La Kelly di Hermès deve invece il nome a Grace Kelly: l’attrice ne aveva 6 in diversi colori. Bastò una foto sulla copertina di Life, in cui la principessa usava questa borsa per coprire il pancione, per far diventare famoso in tutto il mondo il modello creato da Robert Dumas nel 1930.

Ed era proprio una Kelly quella che cadde alla cantante Jane Birkin: era su un aereo e chi la aiutò a raccogliere tutti i fogli? Jean Louis Dumas, succeduto al padre come designer presso Hermès. La ascoltò lamentarsi della capienza delle borse: “Nessuna è abbastanza grande o ha tasche sufficienti per contenere tutto!”. Due anni dopo, nel 1984, usciva la Birkin, la più costosa, desiderata, ricercata delle IT-BAG.

E chi riusciva sempre a coniugare l’eleganza e la praticità? Chanel, che disegnò la 2.55 nel febbraio 1955, pensando ad una donna attiva, moderna e dinamica, che aveva bisogno di un accessorio funzionale che lasciasse libere le mani nelle occasioni formali.

Tra le altre borse rese famose dalle celebrità, due modelli di Gucci: la Bamboo del 1947, indossata da Elizabeth Taylor e Lady Diana, e la Jackie del 1961, la preferita di Jacqueline Kennedy. A Lady Diana è dedicata la Lady Dior: la principessa si innamorò di questa borsa che le fu regalata dalla First Lady francese.

Altri modelli iconici sono la Falabella di Stella McCartney, dal look destrutturato, la Monogramme di Yves Saint Laurent, dove spicca il logo disegnato da Cassandre, e la Baguette di Fendi, resa famosa da Sarah Jessica Parker in Sex and The City.

Allora, hai scelto la tua?

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...